Formia / Paola Villa dice no al faccia a faccia con Cardillo Cupo: intervista esclusiva (video)

Formia / Paola Villa dice no al faccia a faccia con Cardillo Cupo: intervista esclusiva (video)

FORMIA – Continua il faccia a faccia a distanza tra i due principali competitor delle elezioni amministrative del 10 giugno, Pasquale Cardillo Cupo candidato a sindaco del centrodestra e la professoressa Paola Villa, aspirante primo cittadino di “Formia città in comune”. Come anticipato già da Temporeale.info, la Villa conferma di non essere affatto interessata ad interloquire in maniera bilaterale con il 43enne avvocato penalista perché innanzitutto è “una scortesia nei confronti degli altri quattro candidati in lizza” e poi perché una “ragazzata che non merita neppure di essere presa in considerazione”. Questi concetti Paola Villa li ha illustrati nell’intervista allegata in cui – tiene subito a precisare polemizzando timidamente con la stampa – “voglio dimostrarvi di non essere in fuga ma solo e semplicemente impegnata a spiegare ai miei unici punti di riferimento, i miei concittadini, cosa ho in mente per la Formia dei prossimi anni”.

In effetti Pasquale Cardillo e, ancor prima, Claudio Marciano del Pd avevano chiesto, con diverse sfaccettature, di interloquire con la professoressa 48enne per avere da lei le “giuste considerazioni” che l’hanno portata a dar vita ad una coalizione in cui “c’è tutto tranne che il nuovismo”. E Paola Villa lo spiega – a suo modo – molto bene: “Che c’è di male se nella sua squadra si sono rappresentanti della precedente amministrazione o componenti della formazione civica guidata dal dottor Maurizio Costa. Ho l’impressione che Cardillo Cupo faccia come quella lepre che dice che l’uva è acerba nel momento in cui non riesce ad agguantarla. E’ invidioso che la componente del dottor Maurizio Costa sostenga ora il mio progetto dopo aver consentito allo stesso candidato a sindaco del centrodestra di debuttare e di crescere nel panorama politico. Perché questo doppiopesismo? Mi sembra che Cardillo Cupo quasi quasi cominci a peccare di invidia e per una personalità come la sua non è un buon viatico”. Insomma toni sprezzanti e provocatori a meno di dieci giorni dal voto che si preannuncia a color bianco, ad altissima tensione.

A Paola Villa non sono piaciute invece quelle considerazioni politiche in base alle quali Formia, in occasione di una sua eventuale elezione a sindaco (la prima, peraltro, in assoluto di una donna dalla ricostituzione del comune dal 1862), potrebbe rimanere isolata in termini di rapporti istituzionali e di ricadute di finanziamenti regionali e statali: “Ma quando mai? Qualcuno mi dica quali sono stati i vantaggi di cui ha beneficiato questa città la filiera Michele Forte – Renata Polverini e Silvio Berlusconi prima, Sandro Bartolomeo – Nicola Zingaretti e Matteo Renzi poi. Qualcuno, per favore, me li indichi perché non li vedo….” E poi un’altra stoccata a Cardillo Cupo sulla querelle della festività patronale di San Giovanni che il candidato sindaco del centro destra intende organizzare ugualmente (il programma dei festeggiamenti è stato già posticipato a fine agosto in occasione della ricorrenza del martirio del Battista) perché convinto di vincere le elezioni amministrative al termine del primo turno: “Voglio tranquillizzare i formiani, Cardillo Cupo le amministrative non le vincerà né il 10 e tantomeno il 24 giugno. Deve stare soltanto molto sereno”.

Con o senza hashtag non si saprà mai ma Cardillo, rilanciando la palla questa volta dalla sua metà campo, è stato un fiume in piena con una “pioggia” di accuse dopo il mancato confronto – almeno per ora – tra i due: “La Sig.ra Paola Villa ha rifiutato perchè é la rappresentante del peggior centrosinistra, di quello che non ha neanche il coraggio di metterci la faccia sotto la sigla del partito che ha martoriato Formia in questi anni? Sarà perché candida nelle sue fila chi pensa di cementificare i polmoni verdi di Formia chiedendo studi di perequazione per trasferire cubature su zone inedificabili? Sarà perché non hanno nulla da dire oltre che abbaiare alla luna ? Sarà perché il massimo che sono riusciti a proporre è tagliare l’erba, lasciarci senz’acqua per 20 anni e far denunciare i cittadini in Procura per farsi la campagna elettorale ? Non lo so cari amici e non lo sapremo mai – ha scritto Cardillo con un post sul suo profilo facebook in cui compaiono a sinistra una falce ed un martello e, a destra, una Mary Poppins di estrazione cinematografica – Loro (Paola Villa e soci) parteciperanno solo ai confronti senza domande, senza pubblico, senza contraddittorio ma soprattutto senza i formiani. Per Loro il confronto con i formiani è una ‘ragazzata’!”
Saverio Forte

Intervista a Paola Villa

Segui Temporeale Quotidiano su Facebook, Twitter e Google+ per essere sempre aggiornato
Google+