Formia / Torbidità dell’acqua, il sindaco Villa diffida Acqualatina e organizza un’assemblea pubblica

Formia / Torbidità dell’acqua, il sindaco Villa diffida Acqualatina e organizza un’assemblea pubblica

FORMIA – Il sindaco di Formia Paola Villa è tornato a dissotterrare l’ascia da guerra nei confronti di Acqualatina. Il fenomeno della torbidità sarà sullo sfondo di un’attesa assemblea pubblica che, in programma martedì pomeriggio alle 18, presso l’aula consiliare del palazzo municipale, è stata organizzata con l’intento di avviare un confronto, informare e, soprattutto, capire quanto si sta facendo e quanto ancora si possa ancora fare sulla seria problematica della torbidità delle sorgenti che alimentano il Golfo, Capodacqua a Spigno Saturnia e Mazzoccolo a Formia.

Il sindaco Villa è tornato a polemizzare con l’ente gestore che, destinatario di una precisa diffida, avrebbe omesso di mettere a disposizione il servizio sostitutivo delle autobotti nonostante precise richieste a far fronte al fenomeno della torbidità idrica. Si tratta di una precisa inadempienza – ha accusato in questi giorni il primo cittadino di Formia – a fronte di una precisa richiesta avanzata nel dicembre 2018 in occasione dell’assemblea dei sindaci dell’Ato 4 e nei numerosi tavoli tecnici in Prefettura a Formia dove il sindaco Villa aveva invitato l’ente gestore a non trascorrere le serie ed irrisolte problematiche legate alla torbidità e alla potabilità dell’acqua. A prescindere dalle frequenti ondate di maltempo…

“Evidenziamo – ha spiegato il sindaco di Formia – che in seguito, agli avvisi di torbidità, il gestore non predispone un servizio sostitutivo di autobotti, pur avendo inserito nel bilancio del dicembre 2018 l’importo di 1.828 euro per “servizio sostitutivo autobotte”, la cui mancata istituzione, oltre a rappresentare una violazione contrattuale, provoca gli immancabili disagi sull’utenza. Il sindaco di Formia approfitterà dell’assemblea di martedì sera per chiedere ad Acqualatina di “motivare nelle sedi opportune lo stato della rete idrica, le soluzioni proposte e loro reale fattibilità, chiedendone tempi e modalità, in quanto già negli scorsi mesi, più volte il gestore si è impegnato con il Comune di Formia ad agire sulla Sorgente Mazzoccolo, e pur trovando piena disponibilità da parte di quest’Amministrazione, non ha fornito soluzioni e ha lasciato cadere nel vuoto la tematica”.

I fenomeni di torbidità dell’acqua nel sud pontino li ammette anche Aqualatina per la quale sono causati dalle “eccezionali precipitazioni” degli ultimi giorni. Ribadisce di aver elaborato da tempo un piano di azione esteso all’intero Ato4 che prevede diversi tipi di attività. La torbidità – secondo l’ente gestore – è un fenomeno di origine strutturale legato alla natura intrinseca delle sorgenti, la più importante della quale è quella di Capodacqua a Spigno Saturnia. Qui è stato realizzato un pozzo spia con sonde multiparametriche in grado di preannunciare la torbidità con alcune ore di anticipo permettendo di riempire alcuni serbatoi da utilizzare durante la torbidità e di mettere a spurgo la sorgente per evitare di mandare acqua torbida nelle reti idriche dei comuni del Golfo.

In questo modo – ha aggiunto Acqualatina – è stata ridotta la durata del fenomeno percepito da parte dell’utenza” e respinge al mittente la precisa critica relativamente all’assenza delle autobotti in questi giorni a causa del fenomeno della torbidità idrica: “Sono intese come approvvigionamento sostitutivo in caso di totale assenza di flusso idrico (siccità, guasti, interventi programmati…). Tuttavia, così come già fatto in passato, anche in questi giorni Acqualatina ha predisposto, in via emergenziale, servizi di autobotti in tutti i Comuni interessati da torbidità che ne hanno fatto esplicita richiesta, come Formia e Gaeta”.

Saverio Forte

Segui Temporeale Quotidiano su Facebook, Twitter e Google+ per essere sempre aggiornato
Google+