Oltre 10mila pizze in 12 ore, Enzo Pace e Daniele Cianca centrano il “Guinness World Record”

Oltre 10mila pizze in 12 ore, Enzo Pace e Daniele Cianca centrano il “Guinness World Record”

SUD PONTINO – Velocità, senza tradire e abiurare l’eleganza e lo stile anche davanti un forno. Sono state queste le qualità, apprezzate naturalmente, messe in mostra da due ambasciatori della variegato pianeta della pizzeria napoletana del sud pontino per contribuire a stabilire a Torre Annunziata un nuovo speciale “Guinness World Record”, quello del più alto numero di piazze preparate, infornate e anche vendute. Daniele Cianca ed Enzo Pace, entrambi trentaquattrenni di Formia, proprietari di due pizzerie, il primo di “Besìa” a Fondi, il secondo a Spigno Saturnia di “Aria Nuova”, sono stati determinanti perché l’Italia tornasse a fregiarsi di un primato che deteneva una delegazione di pizzaioli svizzeri.

In collaborazione con il Gpm gruppo “Piccola Napoli” hanno preparato, informato e venduto nell’arco di 12 ore 10.893 pizze. Hanno stabilito questo nuovo record mondiale utilizzando 30 quintali di farina, 600 di fiordilatte, 100 cartoni di pomodoro e 6 forni convincendo un’esigente giuria che presieduta dal noto giudice Lorenzo Veltri, ha dovuto “con attenzione e precisione” controllare le migliaia di pizze sfornate, invalidandone ben più di 3000, in base ai consolidati criteri della cottura e naturalmente della grandezza. E i 40 pizzaioli del “Gruppo La Piccola Napoli” sono riusciti nell’intento di entrare nel libro dei guiness dei primati migliorando notevolmente il record dei colleghi d’oltralpe che in mezza giornata avevano preparato ed informato 10.127 pizze.

L’iniziativa, poi, ha avuto un carattere benefico e promozionale presso il Molo Crocelle di Torre Annunziata: le pizze ritenute “corrette” sono state in parte vendute nell’ambito della fesitività patronale della Madonna della Neve, in parte sono state donate ad alcune associazioni benefiche e di solidarietà che sono state naturalmente messe a conoscenza dei nomi dei pizzaioli che le avevano preparate. Questo risultato è, infine, un motivo di vanto per due maestri del comprensorio che sono stati capaci di ben rappresentare al meglio la tradizione di Formia e dell’intero Golfo nel settore e di allestire dal nulla due autentiche startup del buon gusto.

Figlio d’arte, Enzo Pace ha vinto la sua scommessa a Spigno Saturnia inaugurando e gestendo la sua attività, “Aria Nuova”, grazie alla quale sono stati prodotti alcuni e qualificati posti di lavoro. Daniele Cianca da Formia e si è trasferito a Fondi e la sua pizzeria, anche dalla sua denominazione, fotografa al meglio la tradizione: si chiama “Besia”, le iniziali dei nomi della figlia e della nipote.

Saverio Forte

Segui Temporeale Quotidiano su Facebook, Twitter e Google+ per essere sempre aggiornato
Google+