Principi di Caposele in visita a Formia: lettera di ringraziamento all’Associazione Terraurunca

Principi di Caposele in visita a Formia: lettera di ringraziamento all’Associazione Terraurunca

FORMIA – Formia è un museo a cielo aperto ma la sua gestione è infinitamente e colpevolmente deprecabile. Lo hanno scritto, senza peli sulla lingua, in un messaggio di ringraziamento Mauro e Vincenzo Gambini De Vera d’Aragona, i Principi di Caposele, che hanno preso carta e penna e hanno inviato una lettera a Daniele Iadicicco, lo storico e presidente dell’associazione “Terraurunca” promotore di una visita presso alcuni reperti storici ed archeologici legati alla loro famiglia reale. I principi di Caposele hanno confessato di aver trascorso una “giornata emozionante” (insieme anche a Raffaele Capolino, Vito Auriemma e Massimo Patroni Griffi ) “per ritornare a Formia sui passi dei nostri antenati. In questa bellissima città, infatti, molte sono le memorie che rimandano a personaggi della nostra famiglia. A Formia ci siamo sentiti a casa nostra, pur non essendoci quasi mai stati. Questa nostra bellissima sensazione è stata provocata non solo dalla vista dei tanti retaggi familiari ancora presenti, ma anche dalla calorosa accoglienza ricevuta”.

I principi di Caposele, al secolo Mauro e Vincenzo Gambini de Vera D’Aragona , confessano di essere rimasti increduli nel constatare come si trovi ora villa Caposele, un gioiello ridotto davvero in condizioni pietose: “Se nel recente passato si è distrutto, non per questo si deve continuare oggi a distruggere – scrivono i due eredi di questa storica famiglia reale, alludendo ai lavori di scavo realizzati negli ultimi giorni ed eseguiti, a loro modo, in modo inappropriato – Ci siamo recati all’entrata della villa e i nostri cuori hanno sofferto nel vedere l’ingresso lapidario (o quel che resta), ridotto in tal modo: non vi sono più le statue che ornavano l’entrata, le erbe infestanti sono padrone di quel che resta delle antiche lapidi romane e, ancor più, uno scavo improvvisato, inutile ed ignorante sta annientando ciò che di antico romano si vede affiorare dal terreno. Un colpo al cuore, non solo di chi sente quei luoghi appartenergli idealmente per via familiare, ma di tutti coloro che hanno a cuore la storia di Formia, che in questo caso è Storia Universale. Spero tanto che l’impegno civile di molti cittadini formiani, come dimostra il nostro caro Daniele Iadicicco, possa in qualche modo fermare lo scempio in atto, ne siamo fiduciosi!”

L’incanto della Reale Villa Caposele, nonostante tutto, è indescrivibile. “Ancora oggi, nonostante lo stato di evidente incuria in cui versa tutto il complesso, suscita emozioni che vanno al di la della storia familiare – aggiungono Mauro e Vincenzo Gambini de Vera D’Aragona – Essa appartiene a tutti noi e, innanzitutto, ai cittadini di Formia, che l’hanno vista degradare di giorno in giorno, specialmente dal lato di terra, dove la speculazione edilizia degli anni ’70, ne ha mutilato il suo magnifico ingresso. Il barone Pasquale Mattej, che ne disegnò con cura e passione alcuni scorci e ne descrisse la storia; il Principe di Caposele, Carlo de Ligny, nostro illustre antenato, che con cura raccolse e preservò allo studio filologico le antichità romane della sua villa; il Re Francesco II, che ne fu anch’egli propietario dopo il Principe de Ligny, resterebbero agghiacciati nel vedere oggi Villa Caposele, il gioiello di Formia così mal ridotto!

Saverio Forte

Questo slideshow richiede JavaScript.

Segui Temporeale Quotidiano su Facebook, Twitter e Google+ per essere sempre aggiornato
Google+