Cassino / Controlli a tappetto sulle affissioni abusive

Cassino / Controlli a tappetto sulle affissioni abusive

Igor Fonte
Igor Fonte

CASSINO – Controlli a tappeto sulle affissioni abusive, dopo l’episodio del consigliere comunale che è stato beccato dai carabinieri mentre attaccava manifesti senza autorizzazioni. La polizia municipale di Cassino, infatti, sta svolgendo controlli mirati volti a stanare eventuali illecità. Sull’argomento interviene l’assessore alla polizia locale Igor Fonte, che tiene a precisare “ancora una volta, se necessario, che ogni cittadino è libero di esprimere la propria opinione nel modo che ritiene più opportuno ma pur sempre nel rispetto della legge”.

“La libertà di opinione – spiega – è un diritto che va tutelato assolutamente al pari del rispetto della normativa che regolamenta l’affissione dei manifesti in conformità a quanto previsto dall’articolo 663 del codice penale. Un articolo che, non per far polemica con chi si intende di affissioni abusivi o perché ne è responsabile o perché le commissiona, prevede sanzioni per chi affigge manifesti fuori dagli spazi consentiti. Questo solo per dare una giusta e corretta informazione ai cittadini.

La Polizia Locale, quindi, nel pieno rispetto delle sue mansioni non fa altro che multare tutti quei manifesti non autorizzati e affissi al di fuori degli spazi consentiti, indipendentemente dal contenuto del manifesto stesso. La legalità è un valore assoluto che non appartiene a nessuna corrente o ideologia politica, ma che è propria di tutti quei cittadini che civilmente rispettano la legge. Chi rappresenta i cittadini nelle sede istituzionali, o ambisce a farlo, dovrebbe essere portatore e promotore della legalità e del rispetto della legge, evitando di farne, in maniera opportunistica, una mera bandiera da sventolare a proprio piacimento.

Ad esempio è strano che quelli stessi politici che in campagna elettorale dicono di volere una città pulita poi, magari, sono i primi ad imbrattarla con manifesti abusivi ed anonimi. Ma detto questo, sempre per non far polemica sterile, quel che tengo a ribadire è che la Polizia Locale sta portando avanti un’azione di contrasto alle affissioni abusive. Tanto è vero che diverse sono state le sanzioni elevate ed i manifesti rimossi e non di certo solo quelli anonimi e politicizzati.

Sono stati rimossi manifesti affissi abusivamente che reclamizzavano eventi, o attività commerciali, o manifestazioni con conseguente sanzione per i trasgressori. Un’unica differenza tra le due situazioni: nel caso di quelli politicizzati, essendo anonimi, il trasgressore non è stato sanzionato, mentre nel caso dei manifesti che come prevede la legge devono avere la matrice di richiamo i trasgressori hanno ricevuto la sanzione amministrativa.

Un controllo che la Polizia Locale svolge durante tutti i giorni della settimana e che continuerà a portare avanti anche in futuro, per contrastare ogni forma di abusivismo tra cui rientra, ovviamente, anche l’affissione dei manifesti al di fuori degli spazi previsti”.

Segui Temporeale Quotidiano su Facebook, Twitter e Google+ per essere sempre aggiornato
Google+