Formia / Elezioni comunali, nel PD arrivano a tre le nomination per la candidatura a sindaco

Formia / Elezioni comunali, nel PD arrivano a tre le nomination per la candidatura a sindaco

FORMIA – Archiviata la pausa Pasquale, quella che sta per iniziare si preannuncia un’altra settimana di passione per la definizione, in vista delle elezioni amministrative del comune di Formia del 10 giugno, di almeno tre candidature a sindaco nello schieramento di centrosinistra, in quello opposto e alla testa della coalizione centrista (ma fortemente civica) capeggiata dall’avvocato Luca Scipione. Il centro sinistra qualche nodo dovrà scioglierlo nella nuova assemblea degli iscritti in programma giovedì sera. Il Pd ha deciso di presentare il proprio simbolo ma, al momento, non ha un candidato sindaco condiviso dalle eterogenee componenti interne. Alle nomination dell’ex vice-sindaco Maurizio Tallerini e del capogruppo consiliare uscente Ernesto Schiano si è aggiunta del dirigente della unità di odonstomatologia del presidio sud dell’Asl, Francesco Occipite Di Prisco, che, dopo una breve militanza nella sinistra radicale di Sel, è tornato a frequentare il Pd. Occipite Di Prisco, tuttavia, ha fatto sapere di non essere interessato ad intraprendere sfide elettorali così elevate. Il centrodestra allargato in un vertice in programma martedì è in attesa di conoscere il nome che Forza Italia intende proporre alla carica di sindaco: si tratta dell’ultima casella da riempire dopo le disponibilità avanzate dal movimento “Formia Viva 2018” (Mario Taglialatela), dei Centristi (Amato La Mura) e, l’ultima in ordine di tempo, di Eleonora Zangrillo. Un presunto “comitato dei saggi” (proposto da chi e con quali presupposti?) dovrà formalizzare – sempre che l’accordo politico regga – una sola e comune candidatura alla carica di primo cittadino. Sempre la giornata di martedì dirà molte cose sul futuro della premiership di Luca Scipione che dovrebbe annunciare la sua corsa elettorale alla testa di una formazione civica sostenuta da autorevoli ex rappresentanti di Forza Italia e dell’Udc in una conferenza stampa in programma tra mercoledì e giovedì.

Intanto interessato a conoscere le diverse candidature a sindaco e per il rinnovo del consiglio comunale di Formia è Giovanni Di Russo, l’ex imprenditore del settore nautico, ora apprezzato tecnico navale, che il 14 dicembre aveva tenuto a battesimo la neonata associazione “ La Marina Club”,organizzatrice, presso la sala Ribaud del palazzo municipale, di un convegno dal titolo “Dal Formianum Sinus all’attuale linea di costa verso un nuovo waterfront che dia sviluppo alla città”. Di Russo ha promosso per martedì 10 aprile, alle ore 17, sempre presso il comune di Formia, un altro tavolo di confronto – allargato a tutte le forze politiche, liste civiche e forze civiche protagoniste del prossimo voto amministrativo – per illustrare le finalità e gli obiettivi dell’idea-progetto con cui si intende avviare un’azione organica di recupero e valorizzazione di tutto il litorale formiano. “Dopo il confronto avvenuto sulla rete in questi mesi, è doveroso tracciare un bilancio e proseguire nella nostra iniziativa – osserva Giovanni Di Russo – Considerato che tanti cittadini hanno interagito sulla nostra pagina facebook (“Hormiae: mare nostrum”) e tante persone hanno condiviso i vari interventi proposti anche con numerosi messaggi privati, ci siamo accorti di un aspetto molto importante: Che quando si ragiona, sulle idee, sui progetti, ovvero sulle cose pratiche che vanno solo nell’interesse dell’intera cittadinanza, si crea quella trasversalità che è la vera forza per condurre a compimento un progetto condiviso. La città potrebbe beneficiare di un programma di valorizzazione delle sue ricchezze, senza divisioni e senza contrapposizioni di interessi politici. Dobbiamo partire proprio dalla volontà dei cittadini, anche se di idee politiche diverse, di unirsi trasversalmente su un progetto che promuova gli interessi della città. Formia si trova ad un bivio, o sceglie ora il metodo giusto per aggregare forze diverse, legate insieme da obbiettivi condivisi o continuerà a rimanere nell’attuale stato di depressione economica, sociale e culturale, che mortifica le tante potenzialità di cui è ricca. Per questo la nostra associazione intende organizzare nei prossimi un incontro con le forze politiche che si candidano ad amministrare Formia, oltre alle associazioni e a tutti i movimenti presenti sul territorio, che vogliono intervenire e confrontarsi sul progetto”.

La città si trova in una situazione di affanno, sul piano sociale ed economico, ed il suo recupero potrebbe avvenire proprio con la progettazione e realizzazione di un vero e proprio water front. La “Marina Club” di Formia propone l’imbonimento di tre zone dislocate lungo la costa cittadina: la zona di mare a destra del molo di levante del porto commerciale; quella dei cantieri navali (largo Marina) ed il tratto di mare antistante la pineta di Vindicio. Si tratta di una soluzione comune che farebbe tramontare quel tormentone che 40 anni si chiama porto turistico, sinora rivelatosi – almeno sulla carta – una “scelta scellerata e distruttiva”, insomma un’”operazione immobiliare marittima” di cui Formia non ha bisogno. Questo concetto è piaciuto tantissimo all’opinione pubblica che ha molto apprezzato un’idea che, partendo finalmente “dal basso”, è in grado ora, dopo le tante promesse non mantenute nel corso dei decenni dalla politica (ai diversi livelli), di produrre ricchezza e benessere. Attestati di stima arrivano anche da Venezia dove insegna, presso l’Università “Ca Foscari” lingua e letteratura coreana, una prestigiosa accademica di Formia, la professoressa Vincenza D’Urso: “Il progetto è così bello che ogni amministrazione dovrebbe appoggiarlo e renderlo realtà. Porterebbe immediatamente Formia a livelli superiori, mai visti finora, di vivibilità, oltre che diventare un fiore all’occhiello per la città ma anche per l’amministrazione che ne ha permesso la realizzazione. Soli ‘politici’ folli volgerebbero lo sguardo altrove…”

Saverio Forte

Segui Temporeale Quotidiano su Facebook, Twitter e Google+ per essere sempre aggiornato
Google+