Latina / Erosione sul litorale pontino, vertice alla Regione Lazio

Latina / Erosione sul litorale pontino, vertice alla Regione Lazio


LATINA – Si sono svolte davanti le commissioni “Tutela del territorio, erosione costiera, emergenze e grandi rischi, protezione civile e ricostruzione” della Regione Lazio le audizioni per affrontare il tema dell’erosione costiera e della messa in sicurezza del litorale, con una particolare attenzione alle province di Latina e Viterbo. Si è rivelato il serrato il confronto instaurato con la Regione Lazio dai rappresentanti dei comuni di Formia, Gaeta, Latina, Sabaudia, Minturno, Ponza, Ventotene, Sperlonga, Montalto di Castro e Tarquinia cui hanno portato il loro apporto anche gli esperti dell’Ispra e le associazioni dei consumatori.

Giuseppe Simeone

Nel corso dell’audizione è intervenuto anche Giuseppe Simeone, il consigliere regionale pontino di Forza Italia: “Il problema dell’erosione della costa nel Lazio ed in particolare in provincia di Latina va affrontato in tempi rapidissimi e la prima risposta nel breve termine è rappresentata dal ripascimento morbido – ha afferma Simeone- condivido pienamente la richiesta fatta dai Comuni di Minturno, Fondi, Gaeta e Terracina che, insieme, chiedono l’acquisto di una draga da parte della Regione Lazio. I Comuni si sono resi disponibili a gestire la draga e ad occuparsi della manutenzione, ma ovviamente sarebbe la Regione a fare da ente di coordinamento e a dare gli indirizzi. In primo luogo individuando le cave marine nelle quali reperire la sabbia e portarla sulla costa. Il tutto attraverso la creazione di una convenzione fra la Regione e le amministrazioni comunali. La draga avrebbe un duplice effetto: drenare la sabbia dalle foci e alimentare il ripascimento, garantendo una manutenzione costante. Un’ipotesi simile potrebbe essere fatta per il tratto di costa riguardante la zona di Latina. C’è la necessità di lavorare su un intervento ad hoc per le isole di Ponza e Ventotene. Qui è urgente soprattutto la messa in sicurezza delle isole, del Frontone in particolare. Non dimentichiamo che la spiaggia di Chiaia di luna resta ancora chiusa.”

“Inoltre occorre andare oltre l’emergenza – ha auspicato Simeone – C’è bisogno infatti di un intervento strutturale a medio e lungo termine per combattere l’erosione su tutta la costa. La posta in palio è alta. C’è in ballo la sopravvivenza di centinaia di imprese balneari, soprattutto di piccole e medie dimensioni, che operano sul nostro litorale. Abbiamo chiesto all’assessore alle Opere pubbliche della Regione Alessandri di pianificare, agendo per priorità, tutte le azioni necessarie a garantire in tempi stretti la difesa e la ricostruzione di tutto il litorale laziale attraverso una serie di azioni finalizzate a ridurre il rischio di erosione, azzerare il pericolo verso il patrimonio pubblico e privato e per la sicurezza dei cittadini procedendo ad un progressivo ripascimento e definendo interventi periodici e continuativi di manutenzione ordinaria e straordinaria.

Bisogna adoperarsi nell’immediato per evitare che tutto il settore del turismo balneare e l’indotto ad esso collegato continuino a vivere in uno stato di emergenza diventata ormai strutturale. Come ben sappiamo, il turismo balneare è uno dei settori che contribuiscono in modo rilevante al Pil regionale, su cui abbiamo il dovere di investire per garantire lo sviluppo del territorio, favorire l’occupazione e la crescita dei territori. In particolare per la provincia di Latina è di vitale importanza. Ci aspettiamo dalla giunta regionale misure concrete per risolvere le criticità in atto ed assicurare alle imprese di non perdere la stagione estiva da cui dipende la loro esistenza”.

Saverio Forte

Segui Temporeale Quotidiano su Facebook, Twitter e Google+ per essere sempre aggiornato
Google+