Fondi / Anche la Uiltucs parteciperà alla mobilitazione a difesa dell’Ospedale “San Giovanni Di Dio”

Fondi / Anche la Uiltucs parteciperà alla mobilitazione a difesa dell’Ospedale “San Giovanni Di Dio”

FONDI – Anche la Uiltucs Latina parteciperà alla mobilitazione generale a difesa dell’Ospedale San Giovanni di Dio in Fondi prevista per Lunedi 13 aprile davanti alla Regione Lazio. Dopo migliaia di firme raccolte, dopo tante sollecitazioni senza alcun riscontro, la Uiltucs latina con i tanti lavoratori e lavoratrici griderà in Regione Lazio “i servizi vanno potenziati e non cancellati”. Il tutto significa più disservizio e meno occupazione.

Gianfranco Cartisano
Gianfranco Cartisano

“Alle ore 08.00 – spiega il segretario provinciale Gianfranco Cartisano –  partenza con i bus da fondi, il presidente della Regione Lazio non può essere indifferente alle richieste dei tanti lavoratori delle tante associazioni e del primo cittadino  che chiede chiarimenti.

La Uiltucs Latina rappresenta i lavoratori e lavoratrici dell’Ospedale San Giovanni di Dio in Fondi che ogni giorno effettuano i servizi di ausiliariato, pulizie e refezione, servizi affidati in appalto ad aziende esterne in questo periodo soffrono dei tagli effettuati dalla Regione Lazio sugli ospedali pontini, in questi giorni abbiamo svolto assemblee nell’ospedale di Fondi, per noi della Uiltucs situazione più critica rispetto ad altri, sollecitati dai lavoratori che hanno subito il taglio dei parametri orari e vivono in una situazione di emergenza, le lavoratrici vivono questa criticità del San Giovanni di Dio con preoccupazione e incertezza, il loro lavoro e subordinato alle decisioni aziendali della Asl, i lavoratori le lavoratrici svolgono da anni questo servizio di ausiliariato al personale infermieristico, effettuano mansioni in stretto contatto con il personale ospedaliero, svolgono attività di pulizia, con i tagli effettuati esiste un problema di incolumità e salubrità,  più volte evidenziato da noi della Uiltucs alla Regione Lazio. In assenza di questo personale di supporto sarebbe il collasso ospedaliero/pontino.

Per la Uiltucs il Sindaco di Fondi Salvatore De Meo, da tempo ha capito ed evidenzia le criticità vere e disagi quotidiani di tanti anziani e cittadini che giornalmente si recano al San Giovanni di Dio di Fondi, il confronto pubblico tenutosi dal primo cittadino di fondi alla presenza di migliaia di utenti, anche dei paesi limitrofi, aveva già a suo tempo fatto esplodere la questione emergenziale, a distanza di mesi anche i lavoratori che noi rappresentiamo, presenti quotidianamente nell’ospedale di Fondi raccolgono i disagi e lamentele dei cittadini, nonostante le criticità ed i tagli effettuati le lavoratrici svolgono con responsabilità il proprio lavoro e continueranno a svolgerlo per mantenere puliti i spazi ospedalieri di Fondi.

I lavoratori hanno dimostrato responsabilità anche con i tagli della “spending review”. Per la Uiltucs Latina il commissario regionale ad acta per la sanità Nicola Zingaretti dovrebbe aprire il confronto che sollecitano i cittadini ed il comitato attraverso il sindaco di Fondi, i lavoratori  insieme alla Uiltucs sostengono che sul nostro territorio bisogna potenziare le strutture esistenti, i lavoratori in assemblea hanno sottolineato i numeri, presenze e le prestazioni ospedaliere, specialmente nei periodi estivi.

Per la Uiltucs Latina – conclude Gianfranco Cartisano – il dibattito sulla sanità non può limitarsi ad una assenza di confronto della Regione Lazio, non può limitarsi ai tagli che hanno prodotto disservizi sugli appalti ospedalieri, i lavoratori della Uiltucs Latina partiranno lunedi 13 aprile alle ore 8 con i pullman da Fondi per far capire al “presidente Zingaretti” ed alla “cabina di regia” della sanità laziale che anche nel nostro territorio esistono lavoratori, anziani e malati” che andrebbero rispettati come altre parti del Lazio, come ad esempio Roma”.

Segui Temporeale Quotidiano su Facebook, Twitter e Google+ per essere sempre aggiornato
Google+