Formia / Domani i funerali di Mario Valerio

Formia / Domani i funerali di Mario Valerio

FORMIA – Sono stati fissati i funerali di Mario Valerio, il giovane di soli 21 anni di Formia deceduto nel sonno nella notte tra venerdì e sabato scorsi nella sua abitazione in località Santa Croce, alla periferia orientale della città. Si svolgeranno domani, mercoledì 21 agosto, alle 10.30, presso la chiesa parrocchiale di San Giovanni Battista dove il feretro sarà trasferito da quella del Buon Pastore di Penitro che, su decisione della famiglia, ospiterà una veglia di preghiera in programma dalle ore 19 di martedì.

Che il decesso sia attribuibile ad una causa naturale ormai non ci sono più dubbi ma la Procura della Repubblica di Cassino vuole vederci chiaro ed in quest’ottica il pm di turno ha disposto un esame autoptico esterno svoltosi presso l’obitorio dell’ospedale Santa Scolastica della città martire. Solo dopo il suo svolgimento, che purtroppo ha avuto un carattere meramente formale, si svolgeranno i funerali del giovane studente al culmine di una tragedia che ha suscitato a Formia e nel resto del sud-pontino sentimenti di incredulità e di sbigottimento. Mario era davvero il classico ‘bravo ragazzo’, figlio di Giuseppe, un sottoufficiale in servizio presso il distaccamento della Polizia Ferroviaria di Formia, si pagava gli studenti di ingegneria civile ed ambientale presso l’università di Cassino e del Lazio Meridionale lavorando d’estate come bagnino presso uno stabilimento balneare sul lungomare di Serapo a Gaeta che in segno di lutto ha sospeso tutti gli eventi spettacolari e di intrattenimento in programma sino al prossimo 25 agosto.

Ma perché è morto Mario? Praticando a livello amatoriale il pugilato, ha dovuto interrompere questo hobby tre anni fa circa quando gli sarebbe stata diagnosticata un’aritmia cardiaca congenita. Mario era stimato ed apprezzato da tutti. Che fosse un “gigante buono”, come lo definivano parenti ed amici, lo ha ribadito in un post su facebook anche l’Università presso la quale sperava di laurearsi presto.

Esprimendo la vicinanza alla famiglia, ai colleghi e ai colleghi di studio di Mario, l’Unicas scrive che “Una vita che si spegne troppo presto lascia tutti sgomenti ed impotenti. Mario era uno sportivo come tanti con sogni da realizzare bruscamente interrotti da un tragico destino. Il nostro compito sarà quello – annuncia l’Università di Cassino – di tenere viva la sua memoria”.

Stesso tenore, ancor più commovente, il messaggio di cordoglio pubblicato sulla pagina facebook della terrazza Aurora di Gaeta: “Si è vicini gli uni con gli altri nel bene ma anche e soprattutto nei momenti più difficili, come quello che stiamo vivendo adesso e che facciamo fatica a processare. Siamo increduli per la perdita di “uno dei pilastri” dello staff. Non possiamo far altro che stringerci attorno alla famiglia e ai suoi cari, unendoci in silenzio a questo enorme e profondo dolore, decidendo anche di chiudere anticipatamente la programmazione della Terrazza Aurora. Chi conosceva Mario sa che senza lui è impossibile proseguire. Ciao Mario, ti vogliamo bene”.

Saverio Forte

Segui Temporeale Quotidiano su Facebook, Twitter e Google+ per essere sempre aggiornato
Google+