Formia / Pubblicato avviso pubblico per nuovo dirigente opere pubbliche del Comune

Formia / Pubblicato avviso pubblico per nuovo dirigente opere pubbliche del Comune

FORMIA – AAA dirigente cercasi. Se anche a Ferragosto, poco importa. Il sindaco di Formia Paola Villa è stata di parola: aveva annunciato che il 9 agosto sarebbe stato pubblicato sulla Gazzetta ufficiale (la numero 63 della 4° serie speciale) l’avviso pubblico di manifestazione di interesse per gli “idonei” presenti nelle graduatorie dei concorsi pubblici espletati da altri enti per la copertura di un posto a tempo indeterminato di dirigente tecnico fa destinare al settore Lavori Pubblici del comune di Formia. L’avviso pubblico, sottoscritto dal dirigente del settore economico-finanziario e personale Daniele Rossi, naturalmente scaturisce da una serie di atti propedeutici, l’ultimo dei quali è una delibera di Giunta di fine giugno che, riorganizzando gli uffici e i servizi dell’ente, andava a dividere in due l’area tecnica dell’ente attualmente guidata dall’architetto Annunziata Lanzillotta.

Se la dirigente originaria di Avellino è in predicato di assumere la completa responsabilità del settore urbanistica, l’avviso pubblico pubblicato dal dottor Daniele è finalizzato a scegliere la guida futura e per sempre di uno degli apparati più complicati e strategici di un comune, quello delle Opere pubbliche. Il tipo di avviso pubblico approntato dall’amnministrazione Villa ha provocato non pochi mugugni all’interno della maggioranza. Alcuni consiglieri comunali speravano che il sindaco ripetesse il titolo di procedura con cui era stata scelta lo scorso autunno l’architetto Lanzillotta: l’assunzione del dirigente delle Opere pubbliche a tempo determinato (sarebbe stato in carica sino a quando la professoressa Villa sarà il sindaco di Formia) in base all’articolo 110 del decreto legislativo 267/2000. Lo sperava soprattutto uno degli attuali funzionari di primissimo piano della ripartizione lavori pubblici del comune di Formia, l’architetto Giuseppe Caramanica, che partecipò alla selezione “intuitae personae” con cui venne prescelta lo scorso novembre la dirigente (all’epoca in servizio al comune di Latina) Lanzillotta.

Per Caramanica, che non è idoneo in una qualsiasi graduatoria dopo lo svolgimento di un concorso pubblico espletato da un qualsiasi ente pubblico, il contenuto di questo bando è stato un boccone amaro, da digerire nel giorno della sua pubblicazione che ha coinciso con il suo cinquantesimo compleanno. Sarà stato pure un caso ma questo avviso pone ora il comune di Formia di perdere uno dei più fidati Rup (responsabile unico del procedimento) in circolazione ed in una simbolica campagna acquisti Caramanica avrebbe deciso di finire sul mercato. Il comune di Minturno ed il sindaco Gerardo Stefanelli potrebbero “ingaggiarlo” nel mercato di riparazione che dovrebbe iniziare, dalle parti di piazza Portanova, agli inizi di settembre. Questo avviso, il cui termine per la presentazione delle domande scadrà il 29 agosto prossimo (dunque al termine del periodo più feriale dell’anno), appare rivoluzionario e – secondo molti altri della coalizione di governo – ed in grado di formalizzare definitivamente la guida apicale del settore Opere pubbliche. Scaturirà dalle graduatorie, naturalmente valide, dei concorsi espletati entro il 31 dicembre scorso ed approvate dalle pubbliche amministrazioni a seguito – come detto – delle selezioni per la copertura di posti a tempo indeterminato del profilo che si intende ricoprire, dunque quello di dirigente tecnico del settore Lavori Pubblici. L’avviso pubblico è formato da 8 articoli, i più importanti sono il quarto ed il quinto.

Se al termine della fase istruttoria sulle base delle domande pervenute il Dirigente del Servizio Risorse Umane (Daniele Rossi per l’appunto) adotterà la determinazione di ammissione ed esclusione dei candidati, motivando adeguatamente i casi di esclusione della procedura di selezione, successivamente designerà la Commissione esaminatrice, composta da tre componenti, un Presidente e due componenti, e da un Segretario con funzioni di verbalizzazione. La valutazione dei candidati ammessi alla procedura di selezione si svolgerà per colloquio, con attribuzione di un punteggio massimo di 10 punti. “Il colloquio sarà finalizzato a verificare il possesso dei requisiti attitudinali e delle competenze professionali richiesti per il profilo professionale di Dirigente Tecnico del Settore Lavori Pubblici con particolare riguardo a: Diritto amministrativo, Ordinamento degli enti locali, Normativa in materia di contratti pubblici, Normativa in materia edilizia, urbanistica, lavori pubblici e sicurezza sul lavoro. Il colloquio – si legge ancora nell’avviso – consiste in una serie di quesiti elaborati dalla Commissione esaminatrice e sottoposti al candidato in forma anonima. Concluso ogni singolo colloquio, la Commissione si ritira per procedere alla valutazione del candidato ed attribuisce il punteggio.

Il punteggio conseguito dai singoli candidati verrà affisso presso la sede dell’Ente al termine dei lavori della Commissione che provvederà a stilare apposita graduatoria finale di merito. Il Dirigente del Settore Personale procederà di seguito con proprio provvedimento, all’approvazione dei verbali e dell’esito della selezione, nonché alla pubblicazione all’Albo Pretorio dell’Ente dell’esito in ordine al soggetto individuato quale dirigente idoneo. Dalla suddetta pubblicazione decorrono i termini per le eventuali impugnative. Nel conferimento di successivi incarichi dirigenziali l’Ente può prescindere dalla precedente assegnazione di funzioni di direzione a seguito di concorsi.”

Capitolo assunzione, infine. Dalla graduatoria di merito una volta operata l’individuazione del candidato, e quindi dell’Ente di cui utilizzare la graduatoria, il Dirigente del settore Personale approverà la convenzione per l’utilizzazione della graduatoria di questo Ente e di conseguenza dà corso all’assunzione del Dirigente individuato. E se l’Ente interpellato non dovesse dare la disponibilità all’utilizzo della propria graduatoria? No problem, si procederà a contattare le altre Amministrazioni in base all’ordine della graduatoria Acquisito l’assenso dell’Ente all’utilizzo del soggetto risultato idoneo primo in graduatoria, lo stesso sarà invitato ad assumere servizio, sotto riserva di accertamento del possesso dei requisiti prescritti per l’assunzione in qualità di Dirigente Tecnico presso il Settore Lavori Pubblici a tempo indeterminato.

Saverio Forte

Segui Temporeale Quotidiano su Facebook, Twitter e Google+ per essere sempre aggiornato
Google+