Gaeta / World Ice Art Competition: Shintaro Okamoto vince con l’Orso Bianco di Central Park

Gaeta / World Ice Art Competition: Shintaro Okamoto vince con l’Orso Bianco di Central Park

GAETA – Shintaro Okamoto, di New York, conquista il primo posto sul podio di World Ice Art Competition: la sua opera scolpita in due blocchi di ghiaccio raffigura Gus, l’Orso mascotte dello zoo di Central Park morto, a 27 anni, quest’estate dopo una malattia scoperta in seguito alla forte depressione che lo aveva colpito. Una storia che ha colpito tutto il mondo e ha attratto anche il pubblico di Gaeta. Al secondo posto Junichi Nakamura di Okkaido (Japan) con una scultura rappresentante un cigno decorato con rose dipinte di rosso. Al terzo posto Takeshi Wada di Tokio, che ha scolpito un volatile poggiato su un capitello.

Grandi emozioni in scena, dunque, a Gaeta in Piazza della Libertà lo scorso week end: il primo concorso internazionale sculture di ghiaccio World Ice Art Competition ha incantato migliaia di visitatori che hanno raggiunto la città del Golfo per questo evento di chiusura della manifestazione natalizia di grande successo «Favole di luce». Un folto pubblico ha infatti assistito alla creazione di favolose opere scolpite nel ghiaccio da 10 artisti provenienti da tutto il mondo. Questi i nomi degli altri partecipanti: Ringoet Miguel, Bruxel; Shinichi Sawamura, Alaska; Domenico Mazzella di Regnella, Bacoli; Larry Mc Farlane, Richardons; Richard D. Bubin, Pittsburgh; Pieritalo Torri, Carrara; Ottaviano Pellini, Lucca. Tutti artisti pluripremiati, in particolar modo Junichi Nakamura ha vinto due “Olimpiadi Invernali – sezione scultura di ghiaccio” nel 1994 a Lillehammer (Norvegia) e nel 1998 a Nagano (Giappone), piazzandosi al secondo posto a quelle di Torino nel 2006. Nakamura dagli addetti ai lavori è stato definito il “Michelangelo del ghiaccio”. Mentre Shinichi Sawamura ha ottenuto riconoscimenti internazionali ai “Mondiali di Sculture di ghiaccio” nel 2015 a BarBack in Alaska e Shintaro Okamoto si è classificato al primo posto.

La premiazione, alla presenza del Sindaco Cosmo Mitrano e del Vice Sindaco Angelo Magliozzi, è avvenuta in un bagno di folla a chiusura della competizione durata tre giorni. L’evento organizzato dal Comune in collaborazione con Ascom Territoriale Confcommercio Lazio Sud di Gaeta, con l’Associazione Italiana Scultori di Ghiaccio, presieduta da Amelio Mazzella di Regnella, ha visto il patrocinio della Regione Lazio, dell’Ipab SS Annunziata, del Parco Regionale Riviera di Ulisse, della XVII Comunità Montana. Importante la stretta e proficua sinergia instaurata con Confcommercio ed imprenditori locali (Agenzie di viaggio Zantour, Viaggi Preziosi, Killroy e Lido Nave di Serapo) che hanno garantito risorse per lo svolgimento della competizione.

Tutte stupende le opere scolpite nel ghiaccio dagli artisti, molto difficile la scelta delle due giurie, una tecnica composta da esperti dell’Associazione Italiana Scultori di Ghiaccio, e l’altra popolare, composta dal pubblico. Ad ogni artista, in ciascuna giornata, sono stati consegnati due blocchi di ghiaccio e hanno avuto due ore di tempo per realizzare la loro opera a tema libero. Vincitore del concorso colui che ha realizzato il punteggio più alto risultato dalla somma dei punti ottenuti nei due giorni.

Grande soddisfazione è espressa dal Sindaco Cosmo Mitrano per il successo ottenuto dall’evento “Non potevamo chiudere in modo migliore le Favole di Luce 2017. Quest’anno abbiamo superato ogni pronostico. Il risultato conseguito ci spinge ad andare avanti nella stessa direzione, crescendo nell’organizzazione, nell’ offerta di servizi al turista, negli eventi collaterali, al fine di rendere davvero indimenticabili le luminarie artistiche di Gaeta, di accrescere sempre più la capacità di attrazione turistica del nostro territorio in periodi considerati “morti”. Lo scopo è ridare vita all’economia cittadina, far ripartire alla grande il suo sviluppo socio – imprenditoriale: obiettivi verso i quali tende la nostra politica di marketing territoriale attraverso la destagionalizzazione. Possiamo ben dire che il concorso delle sculture di ghiaccio ha rappresentato la ciliegina sulla torta, “cristallizando” il consenso di pubblico conquistato dalle Favole di Luce. E quando ancora abbiamo negli occhi la bellezza e l’emozione di ciò che si è appena vissuto, siamo già pronti a ripartire per l’edizione 2018, con nuove e coinvolgenti luminarie artistiche ed un appuntamento ancora più entusiasmante di World Ice Art Competition”.

Segui Temporeale Quotidiano su Facebook, Twitter e Google+ per essere sempre aggiornato
Google+