beach rugby sperlonga 2016

Sperlonga / Il Beach Rugby nazionale fa tappa nella città

Eventi Sperlonga Sport

SPERLONGA – Anche quest’anno il Circuito nazionale a Sperlonga per il Trofeo Torre Truglia. L’evento sportivo, come ogni anno è la tappa nazionale a Sperlonga organizzativo  dalla Lega Navale – Sezione Sperlonga Lago di Fondi – e l’Ass. Base 41 Con il patrocinio del Comune di Sperlonga. Il Beach Rugby è una variante del rugby più veloce e molto spettacolare, il cui regolamento è appositamente studiato per rendere questo sport adatto al campo di gioco in sabbia, ed appunto più veloce.

Si gioca 5 contro 5, in due tempi da 5 minuti ciascuno (bastano e avanzano per finire con lingua di fuori!). L’intervallo è fissato in tre minuti, e le due squadre possono richiedere un time-out di 30 secondi ciascuna a partita, purchè in quel momento siano in possesso di palla.

Le squadre sono composte da 12 giocatori ciascuna ed i cambi sono illimitati (anche i giocatori sostituiti possono rientrare in campo nella stessa partita). Non serve il consenso dell’arbitro per le sostituzioni, purchè chi entra in campo lo faccia dalla metà campo, mentre chi esce può uscire da qualunque punto. Cinque le squadre che si contenderanno il primato del torneo, e da quest’anno anche le squadre femminili.

L’apertura della manifestazione si svolgerà  con la graditissima partecipazione dei piccoli atleti ragazzi che avranno modo di cimentarsi per la prima volta con la palla ovale grazie alla collaborazione coach delle squadre partecipanti alla manifestazione, grazia anche all’organizzatore Fabio Turchi.

Il primo incontro della giornata si svolgerà  tra le ragazze che hanno onorato la loro partecipazione e delizieranno  gli spettatori della beach base 41 sulla spiaggia a lago lungo  con un rugby tecnico e spettacolare. Successivamente si alterneranno le cinque squadre maschili che hanno buon gioco e azioni spettacolari. La lega Navale di Sperlonga ringrazia la Lega Nazionale Beach Rugby per aver ancora una volta creduto in questo territorio e aver dato la possibilità di organizzare la  tappa  nazionale.