Minturno / Via Ponte Garigliano, cittadini esasperati: “Da anni attendiamo le fogne”

Minturno / Via Ponte Garigliano, cittadini esasperati: “Da anni attendiamo le fogne”

MINTURNO – Sono esasperati i residenti di Via Ponte Garigliano, che da anni combattono per il completamento della rete fognaria rimasto ad oggi incompleta. I cittadini hanno scritto una lettera – l’ennesima – al sindaco Paolo Graziano e ad Acqualatina, lamentando la totale assenza dell’amministrazione comunale e lo stato di abbandono della zona.

“I residenti di Via Ponte Garigliano in cui l’opera ancora non esiste – si legge nella lettera – vivono uno stato di vergogna, che al giorno d’oggi devono soffrire ancora questa mancanza, al fatto che pur raccogliendosi in varie forme di proteste e di raccolte firme rappresentate agli organi competenti si vedono comunque negati di un proprio diritto.

Il Comune di Minturno, Acqualatina, quella per cui ha l’incarico di realizzare l’opera, si sono sempre discolpati asserendo che se la Regione non assegna la somma necessaria al progetto presentato l’opera non potrà essere completata. A questo punto noi poveri cittadini, pur pagando le tasse oltretutto in questo periodo con sostanziosi aumenti, ci sentiamo esclusi da questo sacrosanto diritto.

Siamo nel 2015 ed è una cosa insopportabile che noi cittadini di questo territorio siamo costretti a vivere questo disagio così poco dignitoso. A questa enorme mancanza si aggiunge una manifesta incuria alla parte di rete fognaria realizzata circa sei anni fa, lo scavo effettuato per realizzare la parte di fognatura è stato poi ricoperto in modo approssimativo creando non poche difficoltà alla viabilità perché nel percorrere questo tratto a causa del manto stradale disconnesso, con relative buche abbiamo letteralmente distrutto i nostri mezzi.

Inoltre – conclude la lettera – è diventato difficile attraversare tutta la strada per l’enorme sterpaglia cresciuta ai bordi senza essere mai pulita, lasciata nel totale abbandono e poi in alcuni punti si sono formate delle discariche con materiali fortemente inquinanti”.

Segui Temporeale Quotidiano su Facebook, Twitter e Google+ per essere sempre aggiornato
Google+