Crescita economica oltre le attese, la regione Lazio al quinto posto per “Osserfare”

Attualità Cronaca Economia Lifestyle Regione Lazio

La crescita dell’economia oltre le attese in Italia si conferma anche per l’economia del Basso Lazio. A conferma di ciò arrivano i dati Movimprese dell’osservatorio “Osserfare” della Camera di Commercio Frosinone-Latina. I numeri sono quelli del secondo trimestre dell’anno che, a livello di numero di imprese, fanno comprendere come l’Italia sia in decisa accelerazione anche rispetto alla fase pre Covid, con un +55% sullo stesso periodo del 2019. La Camera di Commercio parla di “scongelamento” delle scelte degli imprenditori, rinvigoriti dalla ripresa e dall’accelerazione della campagna vaccinale.

In questo quadro il Lazio si piazza al quinto posto, con una crescita del numero di imprese dello 0,85%, davanti a lei le Regioni del sud, dove è evidente la crescita delle aziende turistiche che hanno un alto peso specifico. Il bilancio delle imprese di Frosinone e Latina è positivo: tra aziende che hanno chiuso e quelle che hanno aperto, il saldo si attesta a 800 imprese in più. In crescita di circa il 40% rispetto allo scorso anno, ma anche di circa il 30% rispetto al 2019. La situazione migliorata ha portato, tra i risultati, una ridistribuzione sia della tipologia delle imprese, sia della loro collocazione a livello territoriale. In Ciociaria crescita importante delle attività professionali, scientifiche e tecniche, mentre resta importante il peso delle costruzioni.

In provincia di Latina, anche e soprattutto per il turismo, crescono a buon ritmo le attività ricettive e della ristorazione. Il concorrere di molteplici fattori, tra i quali, in primis, le progressive minori limitazioni allo svolgimento della attività economiche e alla circolazione delle persone, nonché la componente legata all’avvio della stagione estiva, hanno determinato la redistribuzione dei flussi di demografia imprenditoriale, restituendo, tra i segnali più evidenti del trimestre appena concluso, la minore polarizzazione degli esiti. Difatti, si registra il ridimensionamento del peso delle costruzioni, che hanno dominato gli scenari di nati-mortalità fino a marzo scorso, e la rinnovata vivacità a tutti i livelli territoriali, sebbene con intensità diverse, delle attività turistico-ricettive e commerciali.