Sperlonga / Stagione balneare iniziata ma restano criticità: le critiche di Fdi

Sperlonga / Stagione balneare iniziata ma restano criticità: le critiche di Fdi

SPERLONGA – Giove Pluvio continua a fare i capricci ma a Sperlonga, nonostante tutto, la stagione balneare a Sperlonga è iniziata ma “con molte perplessità e nodi da sciogliere.” E’ il duro atto d’accusa di Sara Kelany e Gerardo La Rocca, rispettivamente portavoce e dirigente locale del circolo cittadino di Fratelli d’Italia che, denunciando l’immobilismo dell’amministrazione comunale, arrivando a sostenere come l’attuale “pantano amministrativo non consente di dare risposte agli operatori turistici, agli esercenti ed ai cittadini in generale”.

“Il paese è evidentemente afflitto da una moltitudine di problematiche, non ultime le emergenze inerenti i rifiuti, che con la conferma della chiusura della discarica di Vale Sica e l’interruzione improvvisa dei contratti con la ditta costituiranno un serio problema – osservano subito l’ex delegata Kelany e La Rocca – La gestione dell’ordinario già evidentemente in crisi sarà aggravata dalle presenze dei turisti, e ad oggi non abbiamo rassicurazione sulla capacità dell’amministrazione di far fronte alle emergenze. Si aggiungono a questo una poco coordinata e scarsa politica turistica, con calendari estivi di là dall’essere adeguatamente pubblicizzati, qualora fossero stati approvati. Le tariffe dei parcheggi e le modalità di pagamento degli abbonamenti penalizzano i turisti e gli operatori del settore che a questi debbono dare idonea accoglienza. Prezzi elevati senza garanzia di stalli auto e poca chiarezza sulle modalità di acquisto degli abbonamenti a medio e lungo termine”.

E’ notizia di questa settimana l’attribuzione della ventiduesima bandiera blu senza soluzione di continuità al Comune di Sperlonga ma “ma questo non basta – continuano gli esponenti del partito della Meloni – Si vive di glorie del passato, ma il trend sta diventato negativo, il settore turistico è in sofferenza perché i servizi sono nettamente in calo, ciò è dovuto al fatto che l’amministrazione non fa quello a cui è preposta: programmazione e attività coordinata. L’ordinanza plastic free, assolutamente condivisibile nel merito e che potrebbe costituire un valore aggiunto, è stata confezionata male, mettendo in difficoltà gli operatori economici alla viglia della stagione turistica, sembra quasi solo uno spot per garantirsi gloria mediatica momentanea, ma le difficoltà degli esercenti, come al solito, sono state completamente dimenticate. Su questi e su mille altri temi la giunta sembra andare per conto proprio, completamente scollata dalla realtà e dalle esigenze di un paese in evidente decrescita”.

L’avvocato Kelany e Gerardo La Rocca, intanto, sottolineano come la Regione Lazio, grazie ad un emendamento proposto dal Consigliere dei FdI Giancarlo Righini, abbia attribuito finanziamenti per l’acquisto delle “carrozzine mare”, per l’accessibilità delle spiagge ai disabili “ma anche di questo, argomento delicatissimo e fondamentale per garantire anche ai più fragili di approcciare un turismo autonomo e consapevole, l’amministrazione nulla sa”. Fratelli d’Italia come forza politica afferma di essere impegnata a pungolare l’amministrazione comunale a promuovere un confronto e una programmazione congiunta con i settori di riferimento e annuncia come le sue “rimostranze troveranno sbocco in un tavolo tecnico da attivare con il dipartimento nazionale turismo di Fratelli d’Italia, che già si è reso disponibile ad aprire la concertazione con tutti gli operatori del settore”.

Intanto l’assessore alle attività Produttive, Stefano D’Arcangelo, ostenta soddisfazione per il conferimento nei giorni scorsi della 22° bandiera blù al comune di Sperlonga: “Si tratta di un record assoluto che conferma i migliori standard europei di qualità ambientale, dei servizi civili, turistico-balneari e ricettivi presenti sul nostro territorio comunale. Accanto a questo prestigioso vessillo il litorale di Sperlonga ha ottenuto ,ancora una volta, anche il riconoscimento della Bandiera verde intesa come “spiagge a misura di bambini “ decretato da parte di un Comitato nazionale composto da 350 pediatri. Nessun trionfalismo – tiene subito a precisare D’Arcangelo – ma ,come amministratori comunali, siamo molto soddisfatti per aver mantenuto ed esteso ulteriormente i nostri servizi nonché la notorietà e l’immagine vera della nostra città. Questi riconoscimenti internazionali, così autorevoli – aggiunge l’assessore alle attività produttive del comune di Sperlonga – costituiscono per noi tutti “un segno di virtuosismo di buon governo del territorio e del mare”. Occorre ora sviluppare una effettiva e più ampia solidarietà ambientale in ambito comprensoriale e riuscire ad ottenere più bandiere blu nei comuni limitrofi fare sistema per attrarre sempre più un turismo migliore e più rispettoso del mare e dell’ambiente. Oggi possiamo e dobbiamo festeggiare questi risultati – conclude l’assessore D’Arcangelo – ben sapendo che dobbiamo ancora lavorare e spenderci molto di più per preservare, difendere e valorizzare la nostra economia turistica ed il nostro straordinario patrimonio naturalistico, storico-culturale, paesaggistico ed archeologico che costituisce per Sperlonga un “unicum” territoriale di incomparabile bellezza.

Saverio Forte

Segui Temporeale Quotidiano su Facebook, Twitter e Google+ per essere sempre aggiornato
Google+