Minturno / Inchiesta autovelox, Sardelli: “Con quei proventi sono state fatte tante opere pubbliche”

Minturno / Inchiesta autovelox, Sardelli: “Con quei proventi sono state fatte tante opere pubbliche”

MINTURNO – Commenta a caldo e con la sua verve che da sempre lo contraddistingue. Non si nasconde l’ex sindaco di Minturno Pino Sardelli, che vuole dire la sua in merito al rinvio a giudizio per la maxi inchiesta sugli autovelox che vede imputati anche altre 13 persone.

Sono finiti alla sbarra oltre a Sardelli anche gli allora assessori Gianfranco Colacicco, Raffaele Chianese, Massimo Moni, Livio Pentimalli, Fausto La Rocca, Maurizio Faticoni per i fatti del 2008; per il 2010, oltre al sindaco Aristide Galasso anche gli assessori dell’epoca Roberto Lepone, Pino Russo, Fabio Saltarelli, Giovanni Baldascino. Oltre ai politici a giudizio anche il Comandante della Polizia Municipale Gian Matteo D’Acunto, per il quale è stato stralciato solo il capo di imputazione relativo al sub appalto come per l’amministratore della Soes Tommaso Stazio per la sopraggiunta prescrizione, e il Tenente Gustavo De Galizio. I reati contestati sono per abuso di ufficio, mentre per il solo De Galizio falsità materiale.

“Con l’istituzione dei parcheggi – spiega Pino Sardelli – oltre ad un po’ di ordine, il Comune ha incassato decine di milioni di euro che hanno consentito lavori di non poco conto (Via Simonelli, Via della Fontana, Piazza Mercato a Scauri, Piazza Portanova, videosorveglianza, campo sportivo Caracciolo Carafa a Minturno, marciapiedi e illuminazione varie, parcheggio e gradoni di Tufo, Via Spiritiera, Torre di Scauri, campo sportivo di Santa Maria Infante, parcheggio stazione ferroviaria, scogliera ecc.), liberando altre risorse e consentendo all’Ente a cofinanziare altre opere del tipo palazzina ex Sieci, Arena Mallozzi, asilo dell’infanzia ecc. oppure finanziare beni e servizi (sociali, sportivi ecc.) che altrimenti non si sarebbero potuti effettuare. Di questa ingente somma, 50mila euro sono stati destinati ai vigili urbani (con tutti i pareri necessari) per progetti sulla sicurezza stradale. E’ reato? Lo vedremo”.

“Ho fatto il sindaco, non l’usciere del Comune – conclude Sardelli – Non mi pento di ciò che è stato fatto e, se dovessi essere di nuovo sindaco, lo rifarei in quanto tutti quei lavori, che ancora sono in corso, non si sarebbero fatti”.

Segui Temporeale Quotidiano su Facebook, Twitter e Google+ per essere sempre aggiornato
Google+