Gaeta / Microcriminalità, accolta la richiesta del Sindaco per un vertice ad hoc in Prefettura

Gaeta / Microcriminalità, accolta la richiesta del Sindaco per un vertice ad hoc in Prefettura

GAETA – “Dal filosofo del nulla etereo, usando un termine da lui coniato, solo chiacchiere vuote e inconcludenti. Nessuna critica costruttiva, solo e sempre becere strumentalizzazioni”. Non è proprio disposto, il Sindaco di Gaeta Cosmo Mitrano, a far passare in sordina ipocrisie e falsità date alla stampa dal capogruppo consiliare del Movimento Progressista.

“Sono i nostri fatti e le nostre azioni a rispondere alle parole, inconsistenti ed inutili, dei detrattori in modo chiaro e visibile a tutti, tranne a chi non vuol vedere –  dichiara il Primo Cittadino –  Domani mattina, 10 marzo 2015,  alle ore 8.45 si terrà un vertice in Prefettura a Latina con le Forze dell’Ordine cui parteciperò personalmente, insieme al Vice Comandante della Polizia Locale Mauro Renzi.  Un vertice ad hoc che ho espressamente richiesto attraverso una missiva inviata al Prefetto, tutore della legalità e della sicurezza sul territorio dell’intera provincia.  Sul tavolo il grave problema della crescente microcriminalità  nel nostro Comune (situazione che purtroppo condividiamo con tutto il Golfo e con tantissime città italiane in questo difficile momento storico). Immediata è stata la risposta e la convocazione della riunione da parte del rappresentante del Governo in provincia , che ringrazio vivamente, non solo per la celerità, ma soprattutto per la costante attenzione e disponibilità sempre manifestata verso il nostro territorio e le sue problematiche”.

Così scriveva il Sindaco Mitrano nella nota al Prefetto “A seguito di una serie di furti, rapine, atti vandalici e tipi di reati che hanno messo a rischio l’incolumità dei cittadini verificatisi con particolare intensità in queste ultime settimane, Le chiediamo di valutare l’opportunità di organizzare un incontro per analizzare le varie denunce arrivate nell’ultimo mese e capire quali siano le cause di questo picco che, dallo scorso febbraio, sta interessando in lungo e in largo tutta la città di Gaeta. Infatti, non passa giorno in cui la cronaca non presenti una serie inquietante di furti che per lo più prendono di mira abitazioni, aziende, uffici, con danni economici di assoluto rilievo. Va detto, tuttavia, per onore di verità che le Forze dell’Ordine (Polizia di Stato, Carabinieri, Guardia di Finanza e Polizia Locale) in questi anni hanno costantemente aumentato il livello e la qualità dei controlli su tutto il territorio, raggiungendo spesso risultati importanti sul fronte della prevenzione e della repressione di questi fenomeni di illegalità. Ciò nonostante, la natura stessa di questo fenomeno e le conseguenze che genera soprattutto in termini di sicurezza percepita dai residenti ci inducono a chiederLe di avere un incontro, finalizzato a ridare fiducia e serenità alla collettività”.

Continui sono i contatti dell’attuale Amministrazione con le Forze dell’Ordine cittadine,  strettissima la collaborazione, in particolare nei periodi di maggiore criticità. “Ritengo importante sottolineare l’encomiabile lavoro che le Forze dell’Ordine stanno svolgendo sul nostro territorio – afferma il Primo Cittadino –  Un lavoro per nulla intaccato dal passaggio del Comando dei Carabinieri a Tenenza. Anzi  come ci era stato garantito, la  presenza dell’Arma è maggiore, è aumentata in termini di di vigilanza, controllo e prevenzione. Per quanto riguarda il governo cittadino garantisco massima attenzione e impegno  a fare ciò che è nelle nostre competenze.

Di grande stupidità l’affermazione del capogruppo del Movimento Progressista circa le responsabilità della nostra Amministrazione in questa vicenda del declassamento. Sono costretto a ricordare a Raimondi che l’unico vero responsabile è proprio lui. Devo riportargli alla mente la venuta a Gaeta, durante il suo mandato di Sindaco, del Comandante Regionale della Legione Carabinieri,  proprio per affrontare la questione. In quell’occasione tanti gli impegni da lui presi e le promesse fatte, per scongiurare il declassamento, poi tutto sfumato nel nulla… anzi nel nulla etereo della sua Amministrazione. Sono cose note a tutti, soprattutto all’Arma dei Carabinieri! Per quanto riguarda la chiusura della succursale di Gaeta del Tribunale di Latina, beh! Non ho parole perché le sue accuse  sfiorano il delirio! Sicuramente ci sono delle colpe ben precise che deve cercare in primis nel suo governo cittadino!”.

“L’aumento della microcriminalità – conclude il Sindaco Mitrano – è un problema serissimo che va affrontato con altrettanta serietà, nell’ambito di un’azione di piena sinergia tra tutte le forze positive della città. Mi sarei aspettato un atteggiamento di maggiore intelligenza dai nostri detrattori, in particolare da chi sedendo, in Consiglio Comunale, svolge un ruolo di rappresentanza popolare. Quantomeno la manifestazione di una volontà a lavorare insieme per l’obiettivo comune del benessere della cittadinanza.  Non le solite falsità  con cui si tenta di nascondere i propri errori, inettitudini, incapacità, tacendo sulle proprie evidenti responsabilità, buttando fango su chi oggi amministra la città con onore e assumendosi tutti gli oneri. Un’operazione di mistificazione che tra l’altro non gli riesce neanche bene, visti i risultati che sono sotto gli occhi di tutti!

Segui Temporeale Quotidiano su Facebook, Twitter e Google+ per essere sempre aggiornato
Google+