Omicidio Piccolino, Osservatorio per la Legalità: “Una sezione speciale di Polizia contro la mafia”

Omicidio Piccolino, Osservatorio per la Legalità: “Una sezione speciale di Polizia contro la mafia”

FORMIA – Una sezione speciale di polizia dedicata esclusivamente alle organizzazioni di stampo mafioso nel sud pontino. Lo chiede l’Osservatorio comunale per la Legalità di Formia.

“Alla luce del drammatico episodio di cronaca, mai avvenuto nel territorio di Formia, di cui è stato vittima il noto avvocato e blogger Mario Piccolino – si legge in una nota – l’Osservatorio comunale per la Legalità esprime tutto il proprio rammarico e la sua viva preoccupazione; inoltre auspica che sia assicurato alla Giustizia il killer della spietata esecuzione e che si chiariscano i contorni di questa vicenda grave che le Forze dell’Ordine, cui va la nostra vicinanza, sono chiamate ad affrontare.

Mario Piccolino
Mario Piccolino

L’Osservatorio, indipendentemente dalle risultanze delle indagini sull’omicidio di Mario Piccolino, propone che tutte le forze sane del nostro circondario si facciano carico di riferire alle più alte cariche istituzionali individuate nei Prefetti di Latina e Frosinone, il Ministro dell’Interno e il Capo della Polizia, l’intervento dei quali è più che mai necessario nel Sud Pontino, zona che nel corso degli anni ha ospitato elementi di spicco della criminalità organizzata ormai ampiamente radicata; tale azione, finalizzata a contrastare il fenomeno mafioso, deve avere come obiettivo finale: L’istituzione di una sezione della Squadra mobile di Latina dedicata solo alle organizzazioni di stampo mafioso e agli accertamenti patrimoniali con Ufficiali di polizia giudiziaria esperti nel settore; Accorpamento delle risorse umane tra i vari presidi di Polizia della zona; Nell’impossibilità di ottenere gli strumenti di cui ai punti precedenti creare una squadra di polizia giudiziaria con competenza nell’intera Provincia di Latina e che si occupi esclusivamente di mafia.

L’Osservatorio ritiene tali richieste di assoluta priorità e non più rinviabili; è il modo migliore con il quale ricordare Mario Piccolino, il suo personaggio e la voglia di accertare, di arrivare fino in fondo”.

Anche l’Associazione Libera è intervenuta sull’omicidio di Mario Piccolino: “In attesa dei riscontri necessari da parte delle forze dell’ordine e della magistratura a cui va il nostro sostegno, esprimiamo preoccupazione e inquietudine per le modalità di inaudita ferocia dell’agguato.

L’omicidio di ieri chiama sempre di piu tutti a reagire, nessuno escluso: dalla corresponsabilità delle Istituzioni alla partecipazione e al coraggio della denuncia da parte dei cittadini. Contro questa violenza la comunità intera è chiamata in gioco e deve sentire forte l’impegno di reagire. Non si deve fare un passo indietro, non bisogna farsi prendere dalla scoraggiamento.

Dobbiamo far sentire forte l’orgoglio di una comunità che antepone il bene comune alle speculazioni e ai privilegi, contrastando in tutte le sedi la violenza criminale e mafiosa. Ogni arretramento della comunità è un avanzamento della criminalità organizzata. E questo non possiamo permetterlo”.

Segui Temporeale Quotidiano su Facebook, Twitter e Google+ per essere sempre aggiornato
Google+