Formia / Aggrediscono i poliziotti: arrestati due pregiudicati appartenenti al Clan Cuomo

Formia / Aggrediscono i poliziotti: arrestati due pregiudicati appartenenti al Clan Cuomo

FORMIA  – Associazione a delinquere, omicidio, spaccio di sostanze stupefacenti e rapina. Sono alcuni dei precedenti penali che aveva i tre pregiudicati campani, appartenenti al Clan Cuomo, arrestati dagli agenti del Commissariato di polizia di Formia.

Era già da qualche mese che gli agenti della Squadra Investigativa del Commissariato, in sinergia con la Squadra Mobile di Salerno tenevano sotto osservazione alcuni personaggi, considerati organici al Clan Cuomo attivo nell’area cavese-Nocera inferiore. Arrivata la segnalazione che i tre sospetti si trovavano nel centro di Formia personale in borghese, coadiuvato dal personale di una Volante ha provveduto al controllo dei tre uomini. Durante l’identificazione uno di loro appariva particolarmente nervoso, ha detto di non avere con sé i documenti poi improvvisamente si è scagliato contro gli operatori di polizia, sferrando calci e pugni, divincolandosi per cercare la fuga.

Gli agenti sono però riusciti a bloccarlo e ad arrestarlo. Uno dei tre fermati, R. D. 33 anni, era già sottoposto alla Sorveglianza Speciale con obbligo di soggiorno nel Comune di Nocera Inferiore ed è stato quindi arrestato per violazione delle misure di prevenzione e portato nel carcere di Cassino. T.M. 26 anni, responsabile delle minacce, violenza, resistenza a pubblico ufficiale è stato portato nella camera di sicurezza del Commissariato in attesa della celebrazione del rito direttissimo previsto per lunedì presso il Tribunale di Cassino, mentre il terzo soggetto, P.G. 26 anni, residente in provincia di Latina, è stato munito di foglio di via obbligatorio con divieto di ritorno nel Comune di Formia per tre anni.

Gli agenti aggrediti, rimasti lievemente feriti, sono stati medicati presso il Pronto Soccorso dell’ospedale di Formia e poi sono stati dimessi.

Usa Facebook per lasciare un commento

commenti

Segui Temporeale Quotidiano su Facebook, Twitter e Google+ per essere sempre aggiornato
Google+