Sanità: Massimo Boldi salvato da un giovane cardiologo di Formia (video)

Sanità: Massimo Boldi salvato da un giovane cardiologo di Formia (video)

FORMIA – Se gli italiani potranno ancora continuare a ridere nelle sale cinematografiche il merito, senza dubbio, è di giovanissimo cardiologo di Formia. Dopo aver salvato lo scorso anno (per buona dei suoi detrattori politici) a Silvio Berlusconi, Giulio Melisurgo, classe 1981, ha restituito il sorriso ad un attore che il sorriso lo regala da una vita per professione, Massimo Boldi. Dopo l’intervento all’aorta di fine aprile (tenuto volutamente nascosto), il comico milanese si era ributtato nel lavoro per girare il nuovo film con Christian De Sica “Amici come Prima”. Alla fine delle riprese, però, in vacanza a Forte dei Marmi ha sentito qualcosa che non andava al meglio: “Durante le passeggiate, avevo iniziato a sentire un forte dolore”. Da qui, la decisione di ricorrere a un secondo intervento, per contrastare le ostruzioni delle coronarie”, rivolgendosi al prestigiosissimo San Raffaele dove lavora il buon Giulio.

Massimo Boldi a “Domenica Live”

E’ stato il medico di Formia – figlio dell’avvocato Franco Melisurgo, storico dirigente del Movimento sociale e poi consigliere comunale per la lista “Alleanza per Formia, a capire il pericolo che Massimo Boldi stava correndo. A fare il resto, insieme a Melisurgo, ci hanno pensato due suoi colleghi, il dottor Matteo Montorfano e il dottor Roberto Chiesa, le cui gesta non potevano passare inosservate alla rete “all news” di Mediaset prima e al contenitore “Domenica live”. Barbara D’Urso si è collegata con il San Raffaele di Milano colloquiando con l’illustre paziente – sottoposto a una coronografia e dall’esame erano state riscontrate occlusioni in tre arterie, da qui la decisione di effettuare un’angioplastica – e soprattutto con lo stesso cardiologo allievo del medico personale del presidente Berlusconi, il professor Alberto Zangrillo.

“Qui al San Raffaele, ti operano, il giorno dopo ti fanno gli esami di controllo e il terzo giorno ti lasciano andare – ha scherza Massimo Boldi – ai microfoni di “Domenica Live”, rassicurando tutti i fan sulle sue condizioni di salute con uno dei suoi tormentoni – Il mio cuore continua a fare tatatatatatata”. Trascorrono 24 ore e il comico meneghino ha rassicurato tutti i suoi fans a “Pomeriggio Cinque” su Canale 5 sul suo stato di salute. Ha parlato dell’intervento, riuscito, e nonostante l’anestesia ancora in circolo, ha dimostrato, affiancato dall’inseparabile “amico Giulio”, di non aver perso la voglia di scherzare e provocare: “Non ho di certo le gambe come le tue – ha detto a Barbara D’Urso, corsa al suo fianco, che prontamente lo riprende: “Vedo che non ti ha spento, anzi ti ha ringalluzzito”. Di Melisurgo si sono occupat, a più riprese, i più importanti quotidiani, tv e siti web italiani quando si tratta di dibattere patologie cardiologie.

Dott. Giulio Melisurgo

Lo scorso dicembre la versione on line del ‘Corriere della Sera” ospitò una sua intervista per commentare un’inverosimile tragedia consumata in Gran Bretagna: un bambino, Keelan MacKnight, 15 anni appena, succiso da una pallonata che lo aveva colpito al petto mentre giovava a calcio con gli amici. E le tappe accademiche il figlio di Franco e Laura Melisurgo ne ha davvero bruciate tante. Con Zangrillo relatore il giovanissimo e preparato cardiologo di Formia nel 2009, dopo aver vinto il concorso di ammissione per la scuola di Specializzazione in Cardiologia presso l’Università Vita-Salute San Raffaele di Milano, conseguì la Specializzazione con la votazione di 70/70 con lode, discutendo una tesi sperimentale dal titolo “Prospective evaluation of predictive scores of right ventricular failure after left ventricular assist device implantation” . Ma Melisurgo già in precedenza si era distinto negli studi: prima nel 1999 conseguendo con 100 e la lode la maturità classica al liceo classico “Vitrivio Pollione” di Formia e sei anni più tardi laureandosi in medicina e chirurgia, con la votazione di 110/110 con lode e menzione, presso l’Università Vita-Salute San Raffaele, discutendo una tesi sperimentale dal titolo “Studio dei vasa vasorum nella placca aterosclerotica: imaging ultrasonografico mediante ecocontrasto”. Il suo relatore fu uno dei luminari per antonomasia in Italia, il professor Attilio Maseri.

Ora Giulio è dirigente cardiologo presso la terapia intensiva cardiochirurgica dell’ospedale San Raffaele di Milano, le sue prestazioni sono ricercatissime presso la casa di cura “La Madonnina” di Milano dove si occupa di programmi di prevenzione cardiovascolare attraverso l’organizzazione di check-up personalizzati e, poiché Silvio Berlusconi – si sa – è un uomo generoso – gli ha affidato la consulenza cardiologica del suo ex Milan (sia della prima squadra che del settore giovanile) e presso il centro medico degli studi Mediaset a Cologno Monzese. Non poteva essere diversamente.
Saverio Forte

VIDEO: Massimo Boldi a “Domenica Live”

Usa Facebook per lasciare un commento

commenti

Segui Temporeale Quotidiano su Facebook, Twitter e Google+ per essere sempre aggiornato
Google+