Minturno / Case popolari a Marina nel degrado, la denuncia di Casapound

Minturno / Case popolari a Marina nel degrado, la denuncia di Casapound

MINTURNO – Contattato dai residenti il portavoce di CasaPound, Marco Moccia, si è recato a Marina di Minturno per un sopralluogo alle case popolari di Via Pasteno Grande, ed ha così verificato con i propri occhi una situazione surreale. “Sotto i palazzi – dichiara Moccia – l’acqua sta piano piano corrodendo il cemente, quindi le travi stanno rimanendo solo con i ferri, sotto le case inoltre ci sono accumuli d’acqua, vi è poi il Portone della scala C che è rotto da 3 anni, le lampadine come si evince dalle foto sono penzolanti, la qual cosa è molto pericolosa considerando che ci sono dei bambini in queste palazzine, come se non bastasse i tubi di scarico delle acque piovane sono rotti. Dalle foto possiamo inoltre notare cornicioni e mura delle palazzine pericolanti quindi rischiosi per l’incolumità dei residenti, Muri pieni di umidità con infiltrazioni d’acqua e crepe giganti”.

“Allo stato di ciò – prosegue Moccia – mi chiedo cosa aspetti l’Ater ad intervenire e perché il Comune e gli uffici competenti non si siano mobilitati alla luce delle ripetute segnalazioni dei cittadini, dichiara Marco Moccia, leader di CasaPound a Minturno, questa situazione di degrado in Via Pasteno Grande è cosa nota a tutti, già quando fui delegato alle politiche abitative con la giunta Graziano, ebbi modo di constatare e segnalare agli uffici Ater questa assurda situazione, ma a causa della solita negligenza degli uffici preposti e per colpa degli occulti interessi dell’ ex sindaco i miei appelli caddero nel vuoto. Oggi con la nuova amministrazione in carica da più di 2 anni, nulla è cambiato mentre i residenti di via Pasteno Grande chiedono disperatamente all’ Ater di intervenire ed al Comune di farsi portavoce delle loro istanze al fine di risolvere questa vergognosa situazione.”

Questo slideshow richiede JavaScript.

Usa Facebook per lasciare un commento

commenti

Segui Temporeale Quotidiano su Facebook, Twitter e Google+ per essere sempre aggiornato
Google+