Sperlonga / Gestione ciclo dei rifiuti, atto d’accusa dell’opposizione

Sperlonga / Gestione ciclo dei rifiuti, atto d’accusa dell’opposizione

SPERLONGA – Sperlonga in pieno agosto invasa dai rifiuti ma per la Giunta del sindaco Armando Cusani va tutto bene. E’ il titolo di un altro, l’ultimo in ordine cronologico, atto d’accusa che l’opposizione consiliare di “Sperlonga cambia” lancia all’indirizzo dell’amministrazione comunale sulla gestione del ciclo dei rifiuti e, più complessivamente, su quella che viene definita “l’emergenza ambientale” che si è venuta a creare nel borgo saraceno letteralmente invaso da turisti e villeggianti. Nel mirino dell’opposizione di “Sperlonga Cambia” è l’operato o, meglio, la comunicazione dell’assessore all’ambiente, Stefano D’Arcangelo, definito in maniera velenosa e sprezzante “l’assessore alle fake-news”.

Dopo il dossier spazzatura su Bazzano, “questa volta l’assessore – si legge in una nota dell’opposizione – si è concentrato sulla spazzatura vera e propria. Pochi giorni fa D’Arcangelo annunciava “risultati eccezionali in termini di efficacia, efficienza e economicità” del servizio di raccolta differenziata, arrivando ad affermare che è “migliorato notevolmente il decoro urbano”. In realtà, non solo l’assessore parla di cose che non conosce,ma si lancia in slogan che rappresentano un’autentica presa in giro per i tanti cittadini di Sperlonga che – affermano all’unisono i consiglieri Marco Toscano, Alfredo Rossi e Carla De Girolamo – quotidianamente vivono i disagi dovuti a sistema rifiuti inefficiente, dimostrando inoltre di ignorare il lavoro svolto dagli uffici comunali. Mentre D’Arcangelo diffondeva l’ennesima notizia falsa,elogiando la gestione del servizio, l’ufficio Ambiente metteva nero su bianco che “si rilevano continui accumuli di rifiuti abbandonati nei pressi delle varie strade e piazze cittadine. Tale fenomeno non risulta più tollerabile considerata la stagione estiva in corso e la conseguente amplificazione del pericolo per l’igiene e la salute pubblica”.

Il gruppo di “Sperlonga Cambia” rinnova, invece, le sue accuse e riserve nel momento in cui dice, o meglio, scrive che.. “Sono ormai due anni che denunciamo le criticità del servizio di raccolta dei rifiuti, la mancata adozione di interventi seri in vista della stagione turistica e l’aumento dei costi a carico delle famiglie e degli imprenditori. A inizio anno, infatti,la maggioranza consiliare del sindaco Cusani ha deciso di aumentare le tariffe della tassa sui rifiuti, facendo lievitare il costo del servizio di oltre 160mila euro rispetto al 2017 e scaricando ancora una volta le conseguenze della sua incapacità su famiglie e commercianti di Sperlonga. È assurdo dover leggere le falsità dell’assessore D’Arcangelo quando ci sono persone che per entrare nel proprio condominio devono scansare cumuli di rifiuti. Ancora più assurdo è che le dichiarazioni di un assessore, oltre che dalla realtà, vengano smentite anche dagli stessi uffici comunali. La gestione dei rifiuti è una cosa seria, che va affrontata con competenza e capacità. Anche quest’anno, invece, assistiamo all’improvvisazione di una Giunta che tenta di nascondere i problemi prendendo in giro i cittadini e respinge ogni nostra proposta del nostro gruppo consiliare per timore di dover riconoscere la propria incapacità e inadeguatezza.”

Saverio Forte

Usa Facebook per lasciare un commento

commenti

Segui Temporeale Quotidiano su Facebook, Twitter e Google+ per essere sempre aggiornato
Google+