Minturno / Discussione tra sindaco e ambulante: volano sedie e scrivania e anche le denunce

Minturno / Discussione tra sindaco e ambulante: volano sedie e scrivania e anche le denunce

MINTURNO – I carabinieri di Minturno e gli agenti del Commissariato di Polizia di Formia hanno avviato le indagini in merito all’episodio accaduto martedì mattina all’interno della stanza del sindaco Gerardo Stefanelli. Secondo quanto si apprende, ci sarebbe stato un alterco tra il primo cittadino e un venditore ambulante, Marco Capobianco, 30 anni. Motivo dell’accesa discussione il mancato svolgimento del mercatino al parcheggio dell’ex Sieci, che l’amministrazione ha deciso di non riproporre già dallo scorso anno. Domenica scorsa, infatti, i vigili urbani hanno pattugliato la zona impedendo agli ambulanti di montare le proprie bancarelle. Capobianco, accompagnato dalla compagna, ha richiesto un incontro con il sindaco.

L’incontro è sfociato in un raptus del trentenne – secondo quanto racconta il sindaco Stefanelli – che avrebbe rovesciato la scrivania e le sedie. Nella stanza, attirato dai rumori e dalle grida, è entrato anche il fratello del primo cittadino, Giuseppe Stefanelli, che ha cercato di calmare gli animi. La vicenda è proseguita poi anche in ospedale: Stefanelli si è recato al punto di primo intervento di Minturno ed è stato giudicato guaribile in cinque giorni; Capobianco e compagna al pronto soccorso dell’Ospedale “Dono Svizzero” di Formia, con prognosi di tre giorni. L’ambulante ha anche sporto denuncia presso il Commissariato di Polizia di Formia contro il sindaco Stefanelli. Quest’ultimo farà altrettanto appena notificata la denuncia. Nel frattempo i carabinieri di Minturno hanno avviato le indagini per chiarire la vicenda.

Usa Facebook per lasciare un commento

commenti

Segui Temporeale Quotidiano su Facebook, Twitter e Google+ per essere sempre aggiornato
Google+