Rifiuti, oltre un milione di euro dalla Regione Lazio per Formia e Ventotene

Rifiuti, oltre un milione di euro dalla Regione Lazio per Formia e Ventotene

FORMIA E VENTOTENE – Qualificare ancor di più, innovandola ulteriormente, la gestione del ciclo dei rifiuti sia a Formia che a Ventotene. La Direzione delle Politiche ambientali della Regione Lazio ha stanziato un contributo a fondo perduto per un milione e 49mila euro per la realizzazione delle isole ecologiche e per attivare alcune misure a favore delle attività di compostaggio nei comuni di Formia e Ventotene. Ad annunciarlo è l’amministratore unico del soggetto che gestisce il servizio nei due comuni del Golfo, Raphael Rossi della Formia Rifiuti zero, secondo il quale i finanziamenti regionali permetteranno ora la realizzazione di un sistema innovativo di compostaggio – operando la riduzione della frazione organica – e di due “isole ecologiche” a Formia così come a Ventotene del cui servizio la municipalizzata Formia rifiuti zero di occupa dallo scorso dicembre.

Raphael Rossi

I finanziamenti stanziati per Ventotene – ha osservato Raphael Rossi – sono finalizzati, inoltre, per creare un modello europeo di turismo rifiuti zero, che possa in pochi anni diventare una ‘best practice’ per la riduzione dei rifiuti”. In effetti gli stanziamenti della Regione Lazio sono di provenienza comunitaria e la Formia rifiuti zero li ha ottenuti sia grazie ad un bando che attraverso gli eccellenti risultati raggiunti sulla raccolta differenziata e sulla qualità del servizio di igiene urbana.

Il progetto, per quanto riguarda Formia, prevede la realizzazione di un piccolo impianto per il trattamento di sfalci e potature, l’estensione del compostaggio domestico a oltre 2000 utenze – ne sono già servite circa 800 – l’avvio del compostaggio di comunità presso le frazioni collinari in modo da chiudere il ciclo di trattamento dell’organico in una parte rilevante della città con un’urbanizzazione meno complessa rispetto al centro urbano.

Claudio Marciano

Avviare il compostaggio su un’ampia fetta della popolazione è – secondo l’ex assessore alla sostenibilità urbana del comune di Formia, Claudio Marciano – un intervento benefico anche sui costi del servizio, perché oggi il trattamento dell’organico è più oneroso di quello dell’indifferenziato e la scarsità degli impianti costringe i Comuni ad andare a cercarli anche fuori Regione, con aggravio di costi e inquinamento.”

Il centro di raccolta in località ex Enaoli, già interessato da importanti investimenti negli ultimi anni che vi hanno consentito l’insediamento di un’officina meccanica, degli uffici amministrativi della Frz, di nuovi spogliatoi e docce e di interventi strutturali sulla piattaforma di trasbordo, potrà essere finalmente completato. “Sarà importante, in particolare, migliorare l’accesso alla piattaforma per gli utenti, infrastrutturarla con una pesa per i piccoli conferimenti in modo da avviare finalmente una premialità per chi conferisce direttamente al centro di raccolta, realizzare presso l’uliveto un percorso didattico permanente per le scuole- ha concluso l’ex assessore Marciano – Questo cospicuo finanziamento, che segue il riconoscimento ufficiale di Formia tra i Comuni più ricicloni del Lazio, conferma dati alla mano che una gestione pubblica dei rifiuti può essere anche efficiente.”

Saverio Forte

Usa Facebook per lasciare un commento

commenti

Segui Temporeale Quotidiano su Facebook, Twitter e Google+ per essere sempre aggiornato
Google+