Truffa su prodotti ortofrutticoli destinati ai poveri, tre persone coinvolte a Fondi e Itri

Truffa su prodotti ortofrutticoli destinati ai poveri, tre persone coinvolte a Fondi e Itri

FONDI – Associazione per delinquere dedita alla truffa per aver distratto 13.000 tonnellate di prodotti ortofrutticoli acquistati con i contributi della comunità europea e destinati alla gratuita distribuzione nel settore socio-assistenziale, guadagnando illecitamente oltre 4 milioni di euro. E’ quando hanno scoperto i Carabinieri del Nas, che questa mattina, con un vasto spiegamento di forze in campo (oltre 150 militari), stanno eseguendo 12 misure cautelari e 50 perquisizioni nei confronti di alcuni soggetti indagati a vario titolo.

E’ stato scoperto un traffico illecito di alimenti Ue acquistati con i contributi comunitari per essere distribuiti gratuitamente alle associazioni che si occupano di dare assistenza ai più bisognosi rivenduti a scopo di lucro. Tra le persone coinvolte figurano anche due commercianti ortofrutticoli di Fondi, padre e figlio, e un uomo di Itri. La famiglia coinvolta è originaria della costiera amalfitana e circa dieci anni fa si è trasferita a Fondi trasferendo la sede dell’azienda all’esterno del Mof per questioni logistiche.

Secondo quanto riferito dal Comando provinciale di Milano, i destinatari delle misure sono accusati a vario titolo di associazione per delinquere finalizzata alla truffa. Secondo l’accusa avrebbero “distratto” 13 mila tonnellate di prodotti ortofrutticoli per i poveri, con un illecito guadagno stimato in circa 4 milioni di euro.

Secondo quanto precisato dai carabinieri del Nas, i provvedimenti sono stati eseguiti in Lombardia, dove sarebbe stata organizzata la frode, Lazio, Campania, Veneto, Emilia Romagna e Piemonte, mentre le perquisizioni sono state fatte in 19 province italiane. L’indagine è nata a seguito di alcuni controlli sulla filiera, dove gli ispettori hanno scoperto irregolarità. E’ così emerso il meccanismo: i produttori avevano consegnato quantitativi di ortofrutta, considerati ‘eccedenti’ per le quote stabilite dall’Ue, a intermediari che avrebbero dovuto distribuirli agli enti socio assistenziali. Per questo i produttori ricevono dall’Ue un regolare contributo. Invece, la frutta e la verdura venivano immesse sul mercato falsificandone la provenienza, permettendo in pochi mesi di ricavarne introiti per milioni e milioni di euro. Tra gli arrestati figurano sia rappresentanti delle imprese che commercializzano gli stock sia gli operatori dei mercati rionali.

“Uno schiaffo a 4,1 milioni di poveri che in Italia hanno bisogno di aiuto per alimentarsi e tra i quali ci sono anche oltre quattrocentomila bambini con meno di 5 anni”, è il commento della Coldiretti che ricorda come “a beneficiare degli aiuti comunitari e nazionali per mangiare sono 303.485 persone nei servizi mensa, mentre sono ben 3.764.765 i poveri che hanno avuto assistenza con pacchi alimentari”. I dati sulla base delle analisi della Coldiretti relative all’ultima relazione pubblicata sul Piano di distribuzione degli alimenti agli indigenti realizzata dall’Agenzia per le Erogazioni in Agricoltura (Agea).

Usa Facebook per lasciare un commento

commenti

Segui Temporeale Quotidiano su Facebook, Twitter e Google+ per essere sempre aggiornato
Google+